MADE expo: AAA+A, Agricoltura, Alimentazione, Architettura + Atletica

MADE expo con il Salone Forestazione Urbana e Verde Attrezzato, e cioè un’area espositiva dedicata alle aziende florovivaistiche e a quelle che si occupano di costruire eco-responsabile, si è posta in modo dinamico sul mercato per affrontare le sfide del terzo millennio. Il tutto è stato concepito per attuare un rapporto più profondo e consapevole con il verde, per aprire a un nuovo ambito culturale i confini dell’agricoltura, del paesaggio e del vivere naturale in città.

Il cuore del Salone della Forestazione Urbana e Verde Attrezzato è stato la mostra A.A.A.+A. Agricoltura Alimentazione Architettura + Atletica, una mostra itinerante dedicata al rapporto fra verde e costruito, un cantiere verde dove trovano spazio le tre A che rappresentano il futuro della sostenibilitàAgricoltura, Architettura, Alimentazione, tre ambiti che non solo hanno in comune il rapporto con il verde, ma sono alla base delle scelte strategiche che hanno ispirato il tema portante dell’EXPO 2015 “Feeding the Planet, Energy for Life”. Un cantiere verde che si è sviluppato all’interno dei padiglioni di MADE expo per sensibilizzare il mondo dell’architettura alle tematiche più green. La mostra è servita da stimolo per professionisti, architetti, ingegneri e agronomi, con un ricco contenitore di eventi dove tutte le novità operative sono state riunite in un unico ambito. Ogni anno AAA+A affronta un tema diverso.

Costruire Paesaggi è stato l’argomento scelto per l’edizione 2012; se, infatti, i mercati si muovono verso l’interazione di questi settori produttivi, appare naturale che un’esposizione che parli di progettare e costruire green non possa fare altro che collocarsi nella dimensione del Paesaggio come progetto, nel più ampio significato culturale, etico e sociale quale delineato dalla Convenzione Europea del Paesaggio, per orientare gli scenari di rinnovamento delle nostre città.

Aumento del patrimonio vegetale e del capitale naturale in città, agricoltura urbana e periurbana, gestione responsabile della risorsa idrica, conservazione attiva degli spazi aperti e del suolo, utilizzo di tecniche costruttive e soluzioni architettoniche eco-compatibili: ecco i temi chiave dell’edizione 2012.

L’obiettivo della mostra è stato quello di evidenziare come il fattore Green da solo non sia sufficiente per qualificare un buon progetto di paesaggio, ma richieda l’apporto di varie discipline, in primis l’Architettura del paesaggio.

Print Friendly, PDF & Email

Share

Articoli collegati

About Author