News Lifestyle Economia Istituzioni — 29 novembre 2012
Imu, il saldo si potrà pagare anche in posta, entro il 17 dicembre

La giornata di lunedì 17 dicembre rappresenta il termine entro il quale i contribuenti potranno pagare l’ultima rata dell’Imu.

Il saldo Imu potrà essere effettuato anche tramite bollettino postale, molto simile al vecchio bollettino Ici. Il contribuente potrà pagare anche per via telematica, tramite il servizio di Poste Italiane. Con questa tipologia di versamento, il contribuente riceve l’immagine virtuale del bollettino conforme al modello, o, in alternativa, una comunicazione testuale contenente tutti i dati identificativi del bollettino e del bollo virtuale di accettazione. Le prove del pagamento telematico andranno conservate, anche se Poste Italiane ha comunicato che conserverà tutte le immagini relative ai bollettini di versamento.

Una novità è rappresentata dal conto corrente, unico, (1008857615), in questo modo si eviterà la confusione che a suo tempo imperava sui pagamenti dell’Ici. Inoltre, il numero del conto corrrente postale non sarà utilizzabile per pagare la tassa tramite bonifico bancario. Poste Italiane, infatti, versa tutto l’incasso derivato dall’Imu, sulla contabilità speciale n. 1777 “Agenzia delle Entrate – Fondi della riscossione”, e trasmette alla Struttura di gestione tutti i dati analitici del contribuente, indicati nei bollettini: codice catastale del Comune, importi e indicazioni specifiche, codice fiscale. Inoltre, Poste Italiane provvederà a stampare i bollettini del pagamento, assicurandone la disponibilità presso gli uffici postali, proprio come avveniva con la vecchia Ici.

METODI DI PAGAMENTO IMU.

  • Con il modello F24 tramite il servizio di home banking fornito dalla propria banca.
  • Tramite il servizio “F24 Web” sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
  • Tramite un intermediario abilitato, ad esempio il Caf.
  • Dal 1° dicembre, invece, sarà possibile pagare anche con il bollettino postale.

I contribuenti potranno controllare quanto dovranno versare come saldo, consultando il sito Internet di ciascun Comune.

S.B.

 

Print Friendly, PDF & Email

Share

Articoli collegati

About Author