News Turismo Lifestyle Eventi — 23 Novembre 2012
Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne: tutte le iniziative

Il 25 novembre, e non solo, la parola è tutta delle donne. Gli appuntamenti sono davvero tanti e offrono una agenda davvero ricca: dal 23 al 29 novembre 2012.

Sotto la madonnina, Intervita propone “Ferite a morte”, in scena al Teatro Litta di Milano. Il claim di Intervita torna con una nuova edizione della rassegna Siamo Pari! La parola passa alle donne: tre giorni di eventi, dal 23 al 25 novembre, tutti esclusivamente ad ingresso gratuito. Ci saranno anche delle anteprime tutte al femminile: la prima italiana di Women are Heroes, appelli via Instagram lanciati dal concorso online #staizittacretina e raccolti ora sul Wall of Rights, Stai zitta cretina a chi?, e proiezioni speciali come Bella Mariposas di Salvatore Mereu in diretta da Venezia.

Sempre a Milano, Vivienne Westwood e le sue proteste in vetrina. Milano, dal 23 al 25 dicembre

L’attivissima Vivienne Westwood ha subito risposto con piacere e, insieme all’agenzia di comunicazione Leo Burnett, si è subito data da fare  per programmare qualcosa per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne.

Proteste in vetrina vuole dare risalto a tutte quelle donne che, nel silenzio, subiscono violenze: 1 donna su 3 ne è vittima. Un non tacere allestito nella vetrina dello store di Corso Venezia a Milano: un manichino con chiari segni di violenza è il protagonista. Una provocazione, forte, ma che ha anche il nobile intento di indurre a riflettere.

Al Teatro della Cooperativa di Milano va in scena: Non raccontiamocela!, il 25 novembre.

Serata interamente al femminile, ideata e condotta dalla giornalista Livia Grossi tra reading, poesia, fotografia e musica con il sottofondo video di One Billion Rising, film-campagna contro la violenza sulle donne organizzata dall’autrice de I monologhi della vagina Eve Ensler.

E sempre a Milano il primo temporary shop Prevenire è Vivere della Sezione Provinciale di Milano di LILT che dal 22 al 29 novembre sarà presente a Milano in via Forcella 8, zona Tortona. Uno spazio di 250 mq dove fare acquisti solidali per il Natale, sottoporsi a visite gratuite di diagnosi precoce al seno e alla cute e partecipare a laboratori di cucina salutare.

A Verona, invece, fino al 25 novembre 2012 sarà possibile visitare Women Don’t War, del fotografo Maurizio Marcato in mostra alla chiesa di San Giorgetto di Verona. Una ricca esposizione, promossa dalla Commissione Pari Opportunità della Provincia di Verona, dal Telefono Rosa e “MADRI. Dall’obiettivo di Maurizio Marcato escono donne in fuga dal dolore e migranti in arrivo sulle coste italiane. “Ho cercato di ritrarre l’animo di questi veri e grandi personaggi, nella loro bellezza, nella semplicità di come mi si sono presentate, appena arrivate, ancora spaurite, nella loro diversità, nella nobiltà d’animo, riflessa appena dai loro preziosi o semplici vestiti, molto più riflessa nei loro sguardi” spiega Maurizio Marcato.

A Torino va in scena Pu-pì-lla (through the looking glass), dal 7 novembre

Un artista italiano, una performer provocatoriamente senza veli e un totem-sarcofago simbolo della violenza sulle donne. Spazio nella rassegna anche per l’arte emergente @bt34 all’Assessorato della Cultura di Torino, Pu-pì-lla (through the looking glass) di Raoul Gilioli è stato realizzato con la performer Francesca Cola: il ritratto di una figura femminile imprigionata e specchio della protesta (ad arte) contro la violenza domestica.

Sempre a Torino è possibile visitare di fronte e di schiena: da Martin Parr a Ferdinando Scianna.  30 scatti di 18 autori d’eccezione di un gruppo di opere  appartenenti alla Collezione di Fotografia Europea Reggio Emilia e custodita nella Fototeca della Biblioteca Panizzi. A organizzarla, Pho_To Progetti per la fotografia, un nuovo progetto nato dall’incontro di due donne, Federica Gilardi e Cristiana Pepe, che ha dato vita a un’unione doppia tutta al femminile che ha debuttato, non a caso, all’ultima edizione di Photissima 2012.

Di fronte e di schiena, Museo Regionale di Scienze Naturali, a Torino fino al 2 dicembre

L’associazione nazionale D.I.RE lancia un messaggio: No al femminicidio. Mai più violenza sulle donne. L’appello di Donne in Rete contro la violenza che è anche petizione pubblica lanciata lo scorso 20 ottobre, e oggi arrivata a più di 20.000 firme potrà essere così consegnata alle Pari Opportunità.

A Bologna, Palermo e Genova si potrà vedere, fino al 9 dicembre, Ferite a morte, antologie a teatro.

Uno spettacolo teatrale gratuito di Serena Dandini, dedicato alle donne morte per femminicidio. A teatro si recita “ogni riferimento a fatto e persone realmente esistenti non è affatto casuale“. Voci di donne che narrano episodi di cronaca realmente accaduti, portati in scena grazie alla collaborazione della demografa e ricercatrice Maura Misiti e pronti a sensibilizzare il pubblico sulla sottoscrizione Convenzione NO MORE! Contro il femminicidio.  Teatro Duse di Bologna (30 novembre), Teatro Biondo di Palermo (24 novembre) e al Teatro della Corte di Genova (9 dicembre).

 

Print Friendly, PDF & Email

Share

Articoli collegati

About Author