News Innovazione Expoparlando Economia — 22 Novembre 2012
Crisi, Lombardia: artigiani e tecnici tra le figure professionali più richieste

La crisi occupazionale sembrerebbe non sfiorare idraulici, tecnici elettricisti e artigiani in genere che risulterebbero tra le  figure professionali più richieste in Lombardia.

Infatti, secondo una ricerca del portale Lavorofatto.it, sito per tutti i lavori delle abitazioni, risulterebbe cheNonostante l’elevata richiesta sono sempre meno i bravi manutentori, idraulici, falegnami, posatori e tecnici presenti sul mercato”. Procedendo di questo passo tantissime richieste di lavoro corrono il rischio di non trovare lavoratori adatti alla mansione richiesta. In sostanza, come anche più volte denunciato da Confindustria, il Bel Paese soffre di carenze di bravi tecnici di settore.

Lavorofatto.it, in una nota afferma: “Il nostro progetto è quello di valorizzare queste vere e proprie eccellenze del Made in Italy incrementando, attraverso il nostro portale, le loro opportunità di lavoro e il conseguente guadagno”.

Nella classifica delle figure artigiane e tecniche specializzate più richieste in Lombardia, il primo posto lo occupa la figura del tecnico di impianti elettrici, seguono idraulici, carpentieri e muratori specializzati. Appena sotto ci sono le figure artigiane come i falegnami, i meccanici, fabbri e imbianchini. Anche figure come giardinieri, parchettisti e termoidraulici sono molto richieste.

Lavorofatto.it sottolinea che “Vista l’elevata e continua richiesta di figure specializzate in lavori dedicati al mondo della casa e delle infrastrutture in genere, sarebbe forse opportuno rilanciare progetti di formazione che favoriscano l’avvicinamento dei giovani ai mestieri e alle arti della tradizione culturale italiana.  Recenti studi della Confartigianato hanno evidenziato come siano tanti i mestieri “trascurati” dai giovani. Scarso appeal che si traduce in quasi 150.000 posti di lavoro mancati”.

I dati emersi evidenziano, ancora una volta, la necessità e l’importanza dell’incremento di figure professionali tecniche e artigiane nel tessuto economico italiano, perché a fronte di una sempre più elevata richiesta, si registra una forte carenza di professionisti abili, preparati e bravi. Una spinta e una riscoperta di queste professioni, sicuramente, potrebbe aiutare lo sviluppo occupazionale di molti giovani.

 

Print Friendly, PDF & Email

Share

Articoli collegati

About Author